Potiche

Divertente quadretto familiare anni settanta, un film divertente e leggero, privo di insegnamenti ma ricco di spunti comici. La Deneuve è, al solito, grandiosa. Depardieu, ormai obeso, appare stanco, un po’ sottotono e ricorda incredibilmente Margherita Hack: stessi capelli, stessa gobba. La sceneggiatura è la cosa che colpisce di più, la cura al dettaglio è quasi maniacale ed anche le luci sono quelle dell’epoca, si ha l’idea di stare guardando una pellicola vecchia di trent’anni, grazie anche alla rassegna di carte da parati onnipresenti negli interni. La comicità francese o la si capisce o si rischia, come ho sentito da molti spettatori all’uscita, di restare annoiati. Ozon resta impareggiabile nel mettere frasi in bocca ai personaggi cariche di cattiveria, sofferenza o disprezzo, e farle sembrare semplici affermazioni di poco conto. Un bel sette e mezzo.

Annunci

Commenta!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...