Corbezzoli!

Ieri, a pranzo da mia cugina Sabrina, scopro il Corbezzolo, un alberello meraviglioso nel suo giardino che oltre ad essere pieno di frutti, rossi e succulenti, ha ancora decine di grappoli di fiori sui quali si avvicendano api e farfalle. Rimango incantato dalla bellezza dei colori, sopra tutto, ho la sensazione di essere ancora in estate, è un immagine così insolita in una giornata, seppur soleggiata, di fine Novembre. Oggi, durante una passeggiata con Nicola e Birillo sulle colline a sud di Scandicci, ci imbattiamo in un bosco di corbezzoli, carico di frutti. Ne ho raccolti un chilo e mezzo ed una volta a casa mi sono cimentato nella preparazione della marmellata. Il risultato? Sorprendente, ma che fatica!

– Lavare i corbezzoli in acqua fredda

– Cuocere i corbezzoli da soli finchè non si distruggono

– Passare il composto al setaccio, occorre un setaccio estremamente fine, altrimenti un apposito passino o addirittura, come ho fatto io, uno strofinaccio da strizzare in modo che fuoriesca dal tessuto solo la polpa. I semini sono estremamente duri e fastidiosi e potrebbero rovinare il tutto se lasciati all’interno.

– Trasferire la polpa in un pentolino, unire zucchero in quantità pari alla metà del peso della polpa, una scorza di limone e se lo gradite un po’ di cannella

– Cuocere per venti minuti e poi trasferire nei vasetti precedentemente sterilizzati. Per sterilizzare i vasetti potete metterli aperti nel microonde riempiti con un dito d’acqua per circa un minuto.

– Una volta freddi, chiudere il coperchio. Lo zucchero provvederà alla conservazione, ma la marmellata è così buona che sarà difficile doverla conservare!

Annunci

4 thoughts on “Corbezzoli!

  1. la ricetta è come la mia, semi compresi!
    per la sterilizzazione dei barattoli io faccio bolline in acqua anche il tappo, perché a volte mi è successo di trovare delle piccole muffe sui coperchi; poi asciugo con cura i vasetti e i coperchi .invaso la marmellata( o la conseerva) ancora bollente chiudo e capovolgo il vasetto.
    una volta freddo lo rigiro e di solito si sente il”toc” del tappo dovuta alla creazione di un piccolo “sotto vuoto” del barattolo

    Mi piace

  2. probabilmente hai esagerato… a me è successo coi funghi fritti. Una passione, ma dopo un indigestione sono stato quasi dieci anni senza poterli neppure vedere. Adesso ne sono di nuovo vorace…

    Mi piace

Commenta!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...