Archivio tag | cinese

Festival delle Luci, Prato

Come noto, la Comunità cinese di Prato è fra le più popolose in Europa. A partire dagli anni ottanta infatti, un numero sempre maggiore di cittadini cinesi è giunto a Prato in cerca di fortuna nel tessile, attività appresa in parte grazie ai pratesi stessi che, nel boom economico, trovarono nella Cina il cliente ideale per vendere i macchinari usati ed ammodernare le proprie industrie. Soltanto attorno alla fine degli anni novanta ci si è accorti della enorme separazione tra la Comunità cinese ed i cittadini pratesi, ma la preoccupazione è arrivata solo nei primi anni duemila, quando la crisi economica ed il basso costo dei prodotti delle fabbriche cinesi,  comunque Made in Prato, hanno provocato la chiusura di centinaia di attività storiche locali. Oggi, che si cominciano ad intravedere timidi segni di ripresa e che si è finalmente riconosciuta una responsabilità del disastro economico anche negli industriali pratesi e nella negligenza degli organi di controllo locali, ci si rimboccano le maniche e si comincia a lavorare per una maggiore integrazione fra le due comunità. I cittadini di origine cinese, moltissimi dei quali ormai nati qui, hanno a loro volta cominciato a comprendere ed applicare le normative locali, si avverte una volontà di miglioramento e redenzione, di imparare dalle tragedie causate dallo sfruttamento della manodopera. Allo stesso tempo, molti giovani pratesi si sono attivati per la creazione di associazioni, attività ed imprese volte a promuovere una conoscenza e collaborazione perché è sempre più evidente come questa particolare realtà sociale sia una risorsa preziosa sulla quale fondare la ripresa della città. Da molti anni si è festeggia il Capodanno Cinese a Prato, ma si è trattato finora di un evento marginale, poco noto e poco partecipato. Quest’anno, invece, si è voluto celebrare in contemporanea con il Festival delle Luci, o delle Lanterne, un evento tradizionale cinese che in origine celebrava l’arrivo delle giovani ragazze in età da marito che si riunivano sotto la luce delle lanterne di carta per incontrare i futuri sposi. La manifestazione è stata un vero successo, grazie all’impegno degli enti locali e dell’associazione pratese Chi-na, nata lo scorso anno e promotrice principale. Buona parte di Via Pistoiese e di alcune vie limitrofe è stata pedonalizzata per permettere sfilate, mercatini di strada e l’esposizione di meravigliose lanterne cinesi a forma di panda, di personaggi della tradizione, di teiere, di maschere e gru, il tutto sotto una volta di lanterne rosse tradizionali. Tra le bancarelle ed i negozi aperti, una folla festosa di cittadini pratesi e cinesi si è mischiata in un clima di festa ed armonia come non si era mai visto prima. Un successo tale che si è già pensato di rendere l’evento un appuntamento fisso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Annunci

Asia a domicilio

Finalmente sono riuscito a trascinare mia madre al supermercato cinese nella nostra Chinatown. Ho comprato spaghetti di soia, salsa di soia da cucina, tofu, dolcetti alla papaya, germogli di soia, grappa di riso, zenzero e, già che c’ero, un bel sacco di fagioli azuki più una cassetta di taccole. I dolcetti hanno avuto vita breve, i fagioli azuki sono destinati alla preparazione della marmellata Anko (giapponese, non cinese). Ecco invece cosa ho preparato col resto:  Mettete a scaldare un pentolino d’acqua a parte.  Nella wok, soffriggete in olio di arachidi una bella cipolla bianca. Togliete poi metà della cipolla soffritta e mettetela da parte. Aggiungete poi peperone, melanzana, zucchina, taccole, germogli di soia in proporzioni e scelta di vostro gradimento: taccole e zucchine con tre minuti di anticipo per uniformare la cottura. Annaffiate con la salsa di soia, lo zenzero grattugiato o in polvere e sfumate tutto con la grappa di riso. A cottura ultimata togliete tutto dalla wok, passate un foglio di carta per pulirla, e rimettete la cipolla rimasta all’interno: stavolta aggiungerete del pollo a dadini molto piccoli procedendo alla stessa maniera, dalla soia alla grappa allo zenzero.  Nel frattempo l’acqua bollirà: spegnetela e immergete gli spaghetti di soia (1 matassa a persona) e lasciateli in immersione per 6 minuti. Quando il pollo è cotto unite le verdure e infine gli spaghetti. Buon appetito.