Archivio tag | genitori

Missione cucciolo

A due anni e mezzo dalla morte di Penny, mia madre sembra pronta ad accogliere un nuovo cucciolo, si tratta solo di scegliere il cagnolino giusto nel posto giusto. Non vedo l’ora,  i miei genitori senza un cane mi sembrano terribilmente soli. La scorsa settimana li ho portati al canile dove mio padre si è immediatamente innamorato di un batuffolino senza nome, ma non hanno voluto lasciarcelo adottare perché il terreno dei miei genitori non è recintato. Mi domando se certi canili si affezionano ai cagnolini al punto da ostacolarne l’adozione! Vorrà dire che prenderemo un cucciolo da un privato… speriamo presto!

Un solo giorno di ferie.

Oggi ferie. Solo per oggi però. Mi sono organizzato in tempo ed ho deciso di “investire il mio tempo”.  Ho cominciato ieri sera, dopo cena, verniciando la mia camera da letto di nuovo. Era azzurra, un azzurro fastidioso. Ho fatto mezzanotte, soddisfatto, trasformandola in un verde mela molto gradevole. Tanto domani posso dormire, ho pensato. E invece alle otto il campanello suona: “Buongiorno, non ci conosciamo, sono Anna: non si è accorto del male del mondo? Chi pensa che la salverà?”. In silenzio ho riagganciato e sono tornato a letto, ma prima ancora che potessi decidere se dormire ancora un po’ o alzarmi, il campanello suona ancora. “Buongiorno, è la vendita dei sacchetti per rifiuti”. Scendo e chiedo “Vi manda il comune?”. “No, siamo una ditta di Firenze, passiamo ogni anno!”. Non appena declino l’offerta, il tipo se ne va dicendomi “Fai home ‘tu vvòi”. A quel punto non riesco a tacere e rispondo “Faccio sempre come voglio, tranquillo!”. Torno in casa e metto su il caffè. Nel giro di un’altra ora arrivano l’arrotino, il venditore di detersivi e il camioncino della frutta, tutti muniti di simpatico megafono. Invito i miei genitori a pranzo, ci mettiamo d’accordo per mezzogiorno e mezza. Alle undici e venti sono già qua. Mangiamo pasta, pesto e pomodoro, insalatona mista, frutta e gelato. Se ne vanno ed io mi metto a segare delle asticelle bianche di legno col 45°, costruisco una cornice e la installo attorno alla carta da parati che funge da testata del letto. Sono soddisfatto del mio lavoro. A seguire, barbiere, gommista per fare l’inversione, e dentista. Come giorno di ferie, non c’è male!